Iscriviti
  

CCNL: SI convinto dei lavoratori

Si concludono oggi le assemblee per l’approvazione del contratto dei 300 mila lavoratori bancari italiani. I dati sull’esito delle consultazioni non sono stati ancora ufficializzati, ma, a quanto risulta a MF-Milano Finanza, è ormai certo che i lavoratori abbiano approvato a larga maggioranza l’accordo sottoscritto dall’Abi e dalle organizzazioni sindacali il 19 gennaio scorso. I sì, stando ai dati raccolti fino a venerdì, hanno vinto sui no con uno scarto di 17.415 voti. Nel dettaglio, in oltre 1.500 assemblee che si sono svolte in tutta Italia, su 98 mila votanti circa i favorevoli sono stati 56 mila, i contrari circa 38mila e gli astenuti 4.500. La percentuale dei favorevoli si è attestata quasi al 60%.

Prossima e ormai imminente tappa dell’iter contrattuale sarà la firma dell’accordo appena approvato dai lavoratori in Abi da parte dei Segretari Generali delle sette organizzazioni sindacali del credito. Anche la Falcri sembra confermare la propria firma sul nuovo contratto.
Il pericolo di restare senza un contratto nazionale di riferimento era concreto, e in questo caso, le aziende avrebbero avuto la piena facoltà giuridica, confermata da numerose sentenze della Cassazione, di disdettare unilateralmente il vecchio contratto di categoria, tuttora applicato ma scaduto il 31 dicembre 2010, con la conseguenza che sarebbero dunque saltate tutte le previsioni economiche e normative dell’architettura contrattuale nazionale. Una disdetta che avrebbe potuto compromettere anche la validità degli integrativi.
Alla vittoria ha contribuito in maniera determinante l’azione politica della Fabi. Le storiche roccaforti della Fabi nel Nord hanno mostrato una solida tenuta, persino nelle piazze dove i Comitati per il no apparivano determinati e coesi. Lando Maria Sileoni, Segretario Generale della Fabi, commenta in un’intervista al Sole 24 ore che in questo modo «sono stati sconfitti e sconfessati tutti quelli che hanno cercato di strumentalizzare la vicenda del rinnovo contrattuale per fini propri, scommettendo su una immaturità della categoria che esiste solo nella loro mente. I bancari, ancora una volta, hanno dimostrato capacità di analisi e di valutazione e lungimiranza sul proprio futuro, approvando un contratto che non solo li mette al riparo dagli appetiti dei banchieri, ma guarda con attenzione alle generazioni future».

I nostri contatti

La sede

VIA CARDUCCI, 37

20123 - MILANO

Gli orari

Dal lunedì al venerdì 
dalle 08.30 alle 17.30

Contatti

Tel 02.89012885
Fax 02.89012948
email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Social

I nostri servizi
FABI Milano

Sindacato Autonomo Bancari di Milano e Provincia

Privacy